Tra poco inizieranno le vacanze di Natale e spesso scegliere la meta non è così facile come si pensava.
Per chi non sa davvero dove andare e ha la passione felina che gli scorre nelle vene anche quando ha la valigia in mano, ecco qualche spunto per visitare delle città d’arte meravigliose.

Iniziamo con Amsterdam che, secondo me, è la città che da più soddisfazione a noi gattari. Due sono le mete imperdibili: la cat boat e il museo dei gatti.

Iniziamo con la DE POEZENBOOT, ovvero il barcone dei gatti. In pratica una barca parcheggiata in uno dei tanti canali di questa città adibito a rifugio per gatti, con tanto di volontari che se ne prendono cura e di possibilità di adozione. In orari specifici è anche possibile visitarlo al suo interno e far conoscenza con i gatti che ci sono. Non è a pagamento, ma si chiede una piccola donazione per i mici. La zona è strategica perché si trova tra la casa di Anna Frank e la stazione centrale di Amsterdam.
gatti ad amsterdam

E poi c’è il Kattenkabinet o Museo dei Gatti, situato proprio all’interno di una sontuosa residenza del seicento affacciata sui canali di Amsterdam. Tra l’altro è un’occasione per poter entrare dentro queste case meravigliose altrimenti chiuse al pubblico. Il museo è interamente dedicato ai gatti e alla loro presenza nell’arte, nella cultura e nella storia. Il museo fu creato in memoria di un gatto in particolare chiamato John Pierpont Morgan, compagno di vita per molti anni del fondatore del museo. Ovviamente, all’interno è possibile avvistare anche qualche micio in carne e ossa che girella per le stanze. Una nota curiosa: proprio all’interno di questo museo sono state girate alcune scene del film Ocean’s Twelve.

gatti a Vienna

E poi c’è Vienna, città austera, imperiale, fredda, bellissima. A due passi dallo Duomo di Santo Stefano c’è un Neko cafè dove passarci letteralmente le giornate: in pratica, un locale molto accogliente dove all’interno vivono alcuni gatti che fanno compagnia ai commensali. Ve lo dico, il locale merita il viaggio.

Altra meta papabile è Barcellona per farsi la foto di rito accanto al Gatto di Botero, sulla rambla Raval. Non perdetevi poi il murales tutto dedicato ai gatti vicino al mercato de la Boquerie.

mete per gatti in europa

Altra meta bellissima è Atene: quando ci sono andata non lo sapevo, ma tutt’intorno all’Acropoli ci sono tantissime colonie feline. Inutile dire che poi l’acropoli toglie il fiato di per sé, gatto o non gatto.

E finiamo con una bellissima città italiana molto spesso sottovalutata, Torino. Torino non viene molto spesso scelta come meta per un weekend o per le vacanze. In realtà è una città bellissima e molto amante dei gatti: infatti, oltre a essere l’unica città europea ad avere ben due Neko cafè, non è possibile ignorare il museo egizio e le sue statue della Dea Bastet, la dea a forma di gatto.

Amici a questo punto aspetto le vostre foto e anche le vostre segnalazioni di altre mete europee che meritano per noi gattofili.