Assegnare i posti a tavola può risultare problematico, in particolar modo quando capita di avere a cena la suocera, la zia, l’amico dell’amico dell’amico e non vorremmo far proprio torto a nessuno affibbiando al malcapitato il posticino più defilato, quello vicinissimo allo spiffero della finestra o, peggio, affiancando all’amico single la musona di turno.

Vi tolgo subito il dubbio dicendovi che in un qualsiasi evento conviviale casalingo, come lo potremmo organizzare voi e io, chi presiede la tavola è la padrona di casa, in mancanza del gentil sesso ci accontenteremo dell’altro… Comunque sia, se siete voi ad invitare, VOI dovrete assegnare i posti a tavola. Questo è il punto.

Semplificando (al’estremo) ecco le 3 regole base da tenere sempiternamente presenti:

1) Generalmente i padroni di casa siedono l’uno DI FRONTE all’altra, non necessariamente alla punta del tavolo, se rettangolare, ma anche al centro dei lati lunghi, così come insegna la scuola francese. Attenzione però, il posto a capotavola incute sempre un po’ di paura…

2) Cercate di mantenere sempre una ALTERNANZA uomo-donna, e fate in modo che i coniugi non siedano l’una accanto all’altro per favorire più possibile una buona mescolanza dei commensali.

3) Il posto per l’ospite più importante è riservato alla DESTRA, ovvero alla destra della padrona di casa se l’ospite è uomo, alla destra del padrone di casa se invece è una donna. Il secondo posto in ordine di importanza sarà poi quello alla sinistra dei due e così via.

Per fare chiarezza:

La regola della destra vale anche quando gli ospiti sono solo due, ad esempio una coppia di amici cari:

4-commensali

 

Ecco un tavolo tipo per sei commensali:

6-commensali

Se vi è un ospite particolarmente importante, o se siete in otto a tavola, il padrone o la padrona di casa cederà a questi il proprio posto sedendosi in modo da tenere l’invitato d’onore a destra.

8-commensali

E via di questo passo…

10-commensali

Fino a dieci commensali EVITATE come la peste i segnaposto! Un buon padrone di casa deve ricordarsi a memoria tutti i piazzamenti e indicare a ogni ospite il proprio posto una volta avvicinati alla tavola.

Insomma, quando vi si dice “aggiungi un posto a tavola” fareste bene a pensare “sì, ma ora dove lo metto”?