Chissà se la conoscete già e se l’avete già incrociata in rete. Socialgnock è una community, molto carina, composta da donne social media addicted che si sentono gnockkissime dentro.

Dal tacco all’infradito senza passare dal Photoshop” è il loro motto e, come potrete intuire, già di per sé è tutto un programma.

Questa community, tra l’altro, offre la possibilità a chi è interessato di amministrare la loro pagina per una settimana su un tema a scelta. Cibo, arredamento, viaggi, trucchi. Qualsiasi cosa.
Indovinate di cosa ho parlato io nella mia settimanina socialgnock? Di gatti, manco a dirlo.

Devo dire che mi sono approcciata a questa esperienza a metà tra lo scettico e il preoccupato: e se i miei post miciosi non piacessero a nessuno? In realtà è stato molto divertente e tutti i miaopost condivisi hanno avuto un buon riscontro tra le mie colleghe gnocchettose. Alla fine ci siamo ritrovate a condividere ognuna la foto del proprio peloso, un po’ come si fa con la foto dei bambini custodite nel portafoglio o nel cellulare.

Non è facile trovare armonia e solidarietà femminile ma, si sa, i gatti hanno il potere di unire le persone.

Ma ci sono anche altre cose belle in questa community: ad esempio vige una fantastica nolink policy che ti permette di condividere e conoscere gli altri senza secondi fini. No all’autopromozione, sì al piacere di stare insieme.

Inoltre, per entrare nella comunità non devi essere necessariamente una blogger, una tweetstar o un personaggio influente della Rete. Essere Socialgnock è una cosa che nasce da dentro e ognuno di noi può esserlo.
Allora cercatele in Rete e poi ci becchiamo lì.