La formula del “all inclusive” ha un retrogusto decisamente anni ’80.

Possiamo, tuttavia, ritrovarla in tantissimi altri frangenti, come “apertivi alla milanese“, feste, matrimoni, convegni e tutti quegli eventi in cui è presente un “buffet“.

Un modo per non doversi ritrovare nelle imbarazzanti situazioni di dover mangiare, per educazione, qualcosa che non ci piace.

Piuttosto che sentirci dire “dai, mi offendo sei non fai il bis” #ciao sogni di gloria di sfoggiare la prossima estate un bikini alla Ursula Andress.

Con il buffet abbiamo la libertà di mangiare cosa e quanto vogliamo.

Ma il mondo, si sa, non è perfetto.

Quando ad un evento è presente un buffet, per alcune persone cadono completamente i freni inibitori della buona educazione, dando libero sfogo all’istinto “animale” del procacciarsi il cibo con ferocia.

I comportamenti sono “standard” e facili da riconoscere:

1. Ottima coordinazione mano-occhio: nel giro di pochi secondi sono in grado di arraffare un numero esorbitante di focaccine, olive ascolane e pizzette;

2. Gomiti aguzzi per riuscire a scartare i rivali;

3. Percezione e conoscenza ingegneristica dello spazio e dei volumi che un piatto può contenere (nessun pertugio va lasciato “scoperto” e la torre di cibo non deve crollare prima di essere divorata);

4. Senso olfattivo altamente sviluppato: sono capaci, infatti, di fiutare un piatto appena sfornato, prima ancora che venga portato al tavolo del buffet;

5. Ottimo scatto felino all’apertura del buffet, anche se taccomuniti: sono sempre i primi ad arrivare e fare razzia;

6. Attitudine alla “cavallettite acuta“: lo sciame delle cavallette in Egitto ha lasciato sicuramente più resti di loro;

7. Agilità ed equilibrio degne di un abile cameriere: più vassoi riesci a fare in un solo “giro”, più il tuo istinto “arraffattore” sarà soddisfatto;

Mi raccomando, non fatevi ingannare da visi angelici, età avanzata o da taglie 38: sono in realtà le persone meno sospettabili ad essere il tipico “animale da buffet“.

Neanche Mary Poppins sarebbe in grado di far entrare nella sua borsa tutto il cibo ammucchiato in uno dei loro piattini.

Solo io mi stupisco ancora ad ogni aperitivo?